Thursday, January 07, 2016

Mi sono emozionato

Mi abuela napolitana con su hermano Mario
Casi nunca escribo en facebook. Pero cuando colgué el vídeo sobre mi nonna napolitana en facebook surgió un lindo intercambio con el director del Centro de Documentación de Capri, Giuseppe Aprea. Lo copio abajo y pongo una foto de mi abuela arriba. Tengo que traducir el italiano? Claro, mi italiano es improvisado, mucho mas más que mi castellano.

Giuseppe ApreaGiovanni, ho guardato ancora una volta il suo filmato e mi sono emozionato. Tenterò di scaricarlo da You Tube per conservarlo nel nostro archivio, quello del Centro Documentale dell'Isola di Capri, in modo che possa essere visto e studiato anche quando noi non ci saremo più. Sarà una preziosa testimonianza di un passato in cui Capri era ancora più bella che adesso anche per la presenza di persone come sua nonna. Ma era una pittrice? Io ho un lunghissimo elenco di pittori che hanno dipinto Capri. Mi piacerebbe sapere di più di lei. Lei conserva suoi quadri? In ogni modo grazie, moltissime grazie per il bel regalo del filmato.
Giovanni Zambrone
Giovanni Zambrone:  Giuseppe, è certo, per loro che arrivano dopo di noi può essere interesante di guardare il film. La mia nonna non era una pittrice. Studiava francese ad Amsterdam, si sposò ed aveva otto figli. La sua prima lingua era l'italiano di Napoli, dopo il francese (di Liegi) e finalmente l'olandese. Mia zia Ellen, era pittrice e è stato un anno a Capri en 1948, il stesso anno che sono nato io. Parlando di pittori, zia Ellen mi contava la seguente storia. I suoi amici a Capri avevano detto che poteva soggiornare gratuitamente nella casa di un pittore straniero (credo che fosse un paese nordico) se lavorasse occasionalmente come modella. Lei non voleva perché non aveva fiducia nel pittore e aveva paura che qualcosa di grave potrebbe accadere. Un'altra donna straniera, più giovane di lei (mia zia aveva a quel tempo 25 anni), i capelli biondi ugualmente, ha accettato l'invito di soggiornare gratuitamente nella casa del pittore, in cambio di essere il suo modello. Pochi mesi dopo fu assassinato dal pittore. Questo è quello che mia zia mi ha detto, ma non sono riuscito a trovare informazioni su internet che conferma sua storia. Forse sapete di più? Aggiungo una foto di mia nonna con uno dei suoi fratelli in un porto. Hai visto il video che ho fatto della casa di mia zía Ellen senza (e con) sua presenza?
Giuseppe Aprea
Giuseppe Aprea:   Il video in casa di zia Ellen é bellissimo, complimenti. Atmosfera resa ancora piú piacevole dalla tua bella musica.

El vídeo de que Giuseppe habla es este: La última visita a la casa de mi tía Ellen
Como título para esta entrada tomé lo que dijo Giuseppe y lo que yo siento también. Estoy agradecido... o no se puede decir eso?

6 Comments:

Blogger Isabel said...

Mi abuela decía que "ser agradecido es ser bien nacido".
Hace tiempo que no te visitaba, muchas fiestas y para las madres de mi generación poco tiempo libre.
Muy interesante este paseo mío por tu espacio. Quiero felicitar a Aafke por su libro que debe ser, por lo que dices, bastante interesante.
Y desearos que en este año, que dicen es bisiesto, tengáis salud y felicidad.
Abrazos.

12:04 AM  
Blogger Noite de luna said...

Magnífico trabajo. Me ha gustado muchísimo. Un álbum familiar, alucinante.

¿La casa sigue perteneciendo a la familia?

Un abrazo

11:11 AM  
Blogger NáN said...

Es fabtástico tener todos estos materiales. Los cuadros de zia Ellen que se ven son muy interesantes... y la biblioteca es impresionante. Qué guapos tu tía y té en esas dos fotos.

11:43 PM  
Blogger giovanni said...

Isabel, qué lindo lo que dijo tu abuela!
No conocía la palabra bisiesto... En holandés se dice schrikkeljaar... Qué palabra rara, no? También a ti te deseo salud y felicidad en este nuevo año.

Un abrazo

2:28 AM  
Blogger giovanni said...

Luna, me alegro que te haya gustado. A veces es fácil identificarse con la vida de otras familias. Tú también tienes sangre italiana.

No tenemos casa en Italia, pero sí amigos y familiares.

Un abrazo

2:33 AM  
Blogger giovanni said...

NáN, lo que también es lindo e interesante es el entrar en contacto con personas vivas de hoy, gracias a un vídeo sobre el pasado. Me gustó lo que dijo el director del Centro de Documentación de Capri sobre el vídeo: Una película extraordinaria que hace revivir mágicamente a hombres y mujeres de la isla de ayer. Personajes reales, envueltos hoy en un halo único literario que les hace aparecer como fruto de un sueño.

2:44 AM  

Post a Comment

<< Home